Interviews

Frank Carter & The Rattlesnakes: “Il punk rock è sempre presente nei momenti più estremi”

Con il loro quinto album, “Dark Rainbow”, la band inglese ha portato il suo punk rock a un livello più emotivo e il suo songwriting a un livello più simbiotico. Intervista con il cantante Frank Carter e il chitarrista Dean Richardson.

Questo nuovo album è molto cinematografico. È una scelta voluta?

Frank Carter: Sì, volevamo creare un’atmosfera da film. Sono un grande fan del cinema e uno dei miei film preferiti è No Country for Old Men (Non è un paese per vecchi). Vado spesso al cinema e sono molto felice di avere al mio fianco una persona come Dean, perché capisce come funziona la mia mente. Per esempio, quando stavamo lavorando a Modern Ruin (2017), stavo parlando con Catherine Marks, che si occupava del missaggio, di un suono che ricordasse una notte fonda, e Dean ha capito subito.

L’evoluzione della vostra musica è legata alla vostra evoluzione personale?

Dean Richardson: Quando fai musica, scegli quale lato di te stesso vuoi mostrare. Non esiste una sola versione di noi. In questo album ci siamo sentiti abbastanza sicuri da rivelare un nuovo lato. È sempre stato lì, ma solo ora, a questo punto della nostra evoluzione personale, possiamo farlo. Quindi sì, è un legame inestricabile.

Qual è il messaggio di Dark Rainbow?

Frank Carter: Un ragazzo mi ha chiesto cosa significasse il titolo e io gli ho chiesto: “Cosa significa per te?”. Mi ha risposto: “La tensione che esiste tra la felicità e la tristezza”. L’ha espresso più chiaramente di quanto fossi riuscito a fare io per mesi. Quello che volevamo trasmettere era il conforto e l’accettazione che troviamo nelle ultime fasi del processo di lutto. Può non essere quello che cerchiamo, ma è una pace profonda che ci fa capire che siamo pronti a ricominciare a vivere.

Dean Richardson: Questo è il primo disco in cui ho ascoltato consapevolmente i testi durante il processo creativo. Di solito scriviamo le canzoni insieme, Frank scrive i testi e io la musica, ognuno per conto proprio. Poi testiamo gli abbinamenti; non li forziamo mai, quindi ne lasciamo fuori molti perché non sempre si adattano. Questa volta eravamo più consapevoli dell’universo che volevamo creare e, durante l’ultimo mese di scrittura, il concetto di arcobaleno è diventato chiaro. Sono stato in grado di creare più musica che si adattasse a quell’universo. Questa volta è stato diverso.

Frank Carter: È stato un bellissimo momento di allineamento e non sono sicuro se l’abbiamo mai sperimentato prima in questa fase del processo creativo. Questo ha cambiato tutto perché stavamo davvero creando l’album insieme per la prima volta. Di notte andavo a riscrivere le canzoni, eliminando parti, scavando più a fondo che mai nei testi.

E perché questo arcobaleno è oscuro? Dark Rainbow è anche il titolo dell’ultima traccia dell’album. È una sorta di simbologia?

Frank Carter: Quello che si vede in un arcobaleno è ciò che accade quando due forze si incrociano. Per me l’album è molto incentrato su questo processo, su ciò che accade quando due forze opposte - come il bene e il male - si incontrano e su ciò che ne può derivare. Dark Rainbow , ovvero l’arcobaleno oscuro, rappresenta il lato tumultuoso che può assumere la crescita personale. Non sono ancora riuscito a cantare questo brano senza piangere. Ho scritto il testo anni fa, ma fino ad ora non si adattava a nessuna musica. C’è una vera bellezza in quelle parole, sono sempre state lì e finalmente hanno trovato il loro posto su questo sfondo musicale devastante e oscuro, che racconta di qualcosa che sta andando in pezzi. Ma non è un racconto sulla fine di tutto: c’è una metamorfosi che avviene negli ultimi 45 secondi di questo album e per me rappresenta un punto di partenza, un nuovo inizio.

Potete descrivere il vostro approccio al lavoro in studio in un momento in cui la tecnologia è onnipresente?

Dean Richardson: C’è il pericolo che tutto sia troppo accessibile per creare musica. È deprimente avere ogni suono possibile disponibile gratuitamente sul proprio computer. Ci sono persino gli amplificatori per chitarra! Ci ha aiutato a creare alcuni dei nostri brani, ma è opprimente. C’è troppa scelta, è come aprire il vaso di Pandora. Per quanto mi riguarda, lo apro solo occasionalmente e con delle restrizioni.

Frank Carter: È così interessante sentirti parlare di questo, perché per me è solo un oggetto inanimato. Lo vedo come qualcosa di molto più rudimentale. Ma non seguirei mai questa strada per la mia scrittura. Per un anno ho usato un iPad per disegnare, e avevo tutti i pennelli a portata di mano. Ma non ho potuto continuare perché ero sopraffatto.

Cosa ne pensate dello stato del punk rock oggi?

Frank Carter: Penso che stia fiorendo! E non è una coincidenza, il mondo è fottuto.

Dean Richardson: È una reazione a tutti i problemi sociali e politici. È un momento estremo per essere vivi. E il punk rock è sempre presente in quei momenti.

Frank Carter: Se il punk rock sta prosperando, è perché stiamo attraversando un periodo difficile. E il punk rock è un catalizzatore, se ci pensi è dannatamente spaventoso… •