Interviews

Elīna Garanča: “Ogni mio album è un riflesso del mio stato interiore”

In occasione dell’uscita del suo nuovo album, “When Night Falls...”, abbiamo parlato con il mezzosoprano lettone Elīna Garanča. Una conversazione sui compositori lettoni, sui momenti sereni e turbolenti (nel mondo in generale e nella vita di un musicista) e sul gusto per la sperimentazione che arriva con il tempo.

Elīna Garanča non si ferma mai. È stata una pura fortuna poter parlare con lei (in video-call), in uno dei suoi rari momenti “liberi”. Infatti, oltre ad aver pubblicato un nuovo album, il mezzosoprano ha un’agenda fitta di impegni: il giorno successivo alla nostra intervista, sarebbe partita per un concerto e una masterclass a Dublino, seguito da un recital alla Scala di Milano e, poco dopo, avrebbe cantato Kundry nel Parsifal di Wagner alla Wiener Staatsoper. “Sono in piena forma!”, dichiara con un sorriso raggiante sul volto.

La cantante spera di avere tutto il tempo necessario per assimilare questo fitto e variegato programma. Ma la strada è ancora lunga: “Mi piacerebbe poter dire un giorno: Oggi faccio le stesse cose di ieri!” Per un mezzosoprano, il repertorio operistico non si limita alla Carmen o al ruolo di Octavian nel Cavaliere della Rosa di Strauss. Attualmente sta lavorando al Castello di Barbablù di Bartók, in cui interpreterà il ruolo di Giuditta insieme a John Relyea e Barbara Hannigan al Teatro di San Carlo di Napoli, a maggio. Un ruolo in ungherese. E sebbene Elīna Garanča parli già sei lingue, quella magiara purtroppo non è ancora una di queste. “Devo imparare ogni sillaba a memoria, il che è molto noioso e monotono. Imparo le battute ovunque mi sia possibile: all’aeroporto, durante le prove, nelle pause…”.

Dal bel canto a Wagner

Oltre a esibirsi sul palcoscenico con opere e recital, Elīna Garanča ha alle spalle una vasta discografia. Dal 2006 è sotto contratto in esclusiva con Deutsche Grammophon e da allora ha pubblicato un’ampia gamma di album che mettono in luce le molteplici sfaccettature della sua voce: bel canto, arie d’opera, personaggi verdiani, canzoni popolari spagnole e lieder di Brahms, Schumann e Mahler. L’ultima pietra miliare della sua carriera è stato il ruolo di Kundry nel Parsifal di Wagner. Il mezzosoprano ha atteso a lungo prima di immergersi nel mondo di Wagner. Sia alla Staatsoper di Vienna nel 2021 che al Festival di Bayreuth nel 2023, il successo è stato fenomenale e ha ufficialmente proiettato Elīna Garanča tra le stelle dell’opera.

La cantante vede molti parallelismi tra i concerti e le registrazioni in studio: “In effetti”, spiega, “la fase di preparazione è la stessa. Che si tratti di lavorare su un’aria o di sviluppare una nuova idea per un disco, a un certo punto si parte sempre da zero”.

Nei suoi primi album, Elīna Garanča si è limitata a un repertorio “classico” di arie e lieder che mettevano in risalto il timbro caldo e pieno della sua magnifica voce. Ma ben presto le sue produzioni in studio hanno preso una piega più personale. Ogni volta ci porta in un nuovo universo: “Ogni mio album è in realtà un riflesso della mia situazione personale, del mio stato interiore”, racconta. Habanera (2010), ad esempio, riflette il suo stretto legame con la penisola iberica. All’epoca, la cantante aveva appena acquistato una casa in Spagna, un Paese con cui mantiene legami molto stretti e che ha scelto di farne la sua casa. L’album Romantique (2012) è stato pubblicato subito dopo la nascita della sua prima figlia, Catherine Louise, mentre la malattia incurabile di sua madre ha ispirato Meditation (2014). Ora, per il suo primo album da solista dal 2020, apre ancora una volta le porte del suo mondo interiore.

When Night Falls, quando cala la notte, in tutti i fusi orari

When Night Falls... è dedicato alle ore forse più intime e personali della nostra vita quotidiana. Tema spesso affrontato nella letteratura, nell’arte e nella musica, il calar della notte è un momento al tempo stesso intimo e mistico. Per Elīna Garanča, ha anche a che fare con l’attualità: “Dopo un periodo così strano come la pandemia del Covid, in cui ci siamo ritrovati chiusi in noi stessi, e oggi con le guerre in corso, la musica può aiutarci a trascorrere qualche ora fuori dal mondo. Può accompagnare le ore più intime della giornata, quando passiamo dal caos del mondo alla calma della notte, ed è quello che volevo catturare in questo album”.

A differenza degli album precedenti, When Night Falls... mette al centro la sua lingua madre. La cantante ha ricordi vividi delle canzoni popolari che le venivano cantate e delle storie che le venivano raccontate la sera. Il repertorio lettone non poteva quindi essere omesso da questo album. Elīna Garanča insiste sull’importanza di questo aspetto: “È arrivato il momento di far sentire la musica lettone, non è vero? Non posso cantare Brahms e Schumann per sempre...”.

Musica lettone, sì, ma non una musica lettone qualsiasi. Raimonds Pauls è “un grande della musica e una leggenda vivente” in Lettonia. La cantante non solo è cresciuta con le sue canzoni, ma ora è anche una sua amica. Inoltre, esegue anche ambientazioni musicali di testi di Aspazija, “la nostra poetessa nazionale. Ha tratto molta ispirazione dalla mitologia lettone e dalle storie popolari”, spiega Elīna Garanča . “Penso che sia anche in parte dovuto all’apertura della società”, aggiunge. “Le guerre e le migrazioni hanno cambiato il nostro modo di vedere le cose e oggi non abbiamo più timore di mostrare chi siamo. 20 anni fa, un cartellone con compositori lettoni sconosciuti non avrebbe probabilmente attirato il pubblico”.

Lettone, tedesco, spagnolo, italiano, inglese: un album in cinque lingue e ogni volta una dizione quasi perfetta, marchio di fabbrica di questa cantante poliglotta. “È un album internazionale e dato che viaggio molto, volevo parlare dell’ora di andare a dormire nei diversi fusi orari”.

Da compositori italiani come Luciano Berio o Francesco Paolo Tosti a brani latinoamericani e spagnoli di Manuel de Falla o del musicista contemporaneo José María Gallardo del Rey, Elīna Garanča ci accompagna attraverso culture ed epoche, creando un’opera pienamente coerente. “Ho trovato molto interessante lavorare con artisti contemporanei, compositori che hanno tenuto conto della mia voce, del mio timbro e del mio carattere. Questo ha lasciato spazio all’improvvisazione, anche durante la registrazione, e ciò conferisce ai brani un carattere molto vivace”.

Sul tema della sera, tuttavia, non potevano mancare i compositori romantici. L’album si apre con il Wiegenlied di Strauss, in una versione per orchestra e voce. Oltre all’Abendsegen di Humperdinck, Elīna Garanča interpreta in modo meravigliosamente delicato una delle ninne nanne più conosciute al mondo: quella di Brahms (Guten Abend, gut’ Nacht...). “Ci sono melodie che sono conosciute ovunque, indipendentemente dal paese o dalla lingua. Douce nuit, per esempio”, dice. “È lo stesso per la Ninna nanna di Brahms. Non tutti sanno che è di Brahms o che si chiama Wiegenlied, ma tutti conoscono la melodia. Sono come stelle poco conosciute, inserite nella costellazione di brani più riservati. Stelle che richiamano il tema principale dell’album”.

Entrare nel mondo dei sogni

In termini di struttura e orchestrazioni dell’album, la transizione evocata dal titolo - da una giornata intensa alla calma della sera - si riflette nella scelta dei brani. Partendo da un ricco sound orchestrale su Strauss, si passa a numeri sempre più piccoli: musica da camera, accompagnamento al pianoforte e persino una ninna nanna con una voce a cappella. “Se dovessi rappresentare visivamente l’album, suggerirei l’immagine di un ponte: si attraversa un ponte per entrare nel mondo dei sogni.

Da questo punto di vista, la cantante attribuisce più importanza all’emozione che alla padronanza tecnica: “In questo tipo di album tematico, credo che la trasmissione di emozioni conti molto più della tecnica vocale. È l’opposto di ciò che accade con le opere di Verdi, Bizet o Wagner, dove hai un’intera orchestra davanti a te e devi evocare molta potenza e teatralità. Questo disco mi ha dato più libertà. Potevo improvvisare, adattare il timbro, l’atmosfera o il ritmo a ogni brano e lanciarmi in variazioni senza pensare troppo alla tecnica. L’importante era il sentimento”.

La cantante ha continuato a sviluppare questa libertà. Fin dall’inizio della sua carriera, Elīna Garanča si è distinta per l’eccellente tecnica, il timbro profondo e il senso del dramma. Ma il suo approccio artistico si è evoluto nel corso degli anni. “Con il tempo si corrono più rischi. Sono sempre stata presentata come una perfezionista, e naturalmente ai giovani cantanti viene sempre detto che devono assolutamente padroneggiare la tecnica, soprattutto per preservare le corde vocali. Questo ci spinge a cercare la perfezione, soprattutto in studio, perché si possono sempre riascoltare le riprese e rifare la registrazione. Ma al giorno d’oggi mi concedo molta più libertà e mi permetto di sperimentare. A volte c’è una nota un po’ troppo bassa o un attacco un po’ troppo alto, ma se la frase e la linea sono belle, non è necessario che tutte le singole note siano perfette. Questo non significa rinunciare del tutto al perfezionismo. Si tratta semplicemente di anteporre la melodia e il colore alla precisione”.

Più allodola che uccello notturno

Restando in tema notturno: la cantante ha un suo rituale serale? “Non riesco a stabilire un vero e proprio rituale, perché viaggio molto e perché spesso ho concerti o prove. Questo significa spesso 8 o 12 ore di lavoro intenso chiusa in una stanza. Così ho imparato molto presto che la sera bisogna staccare subito”, dice, aggiungendo: “Inoltre, sono una vera allodola! Di solito mi alzo verso le 6 o le 6.30 e per me, nell’opera, gli ultimi atti sono un po’ pesanti, perché comincio ad essere stanca. Dopo lo spettacolo, torno a casa e in 15 o 20 minuti sono già pronto per andare a letto. Mi piace molto di più la mattina che la sera, è il mio orologio biologico”.

A quanto pare, questo non influisce sull’organizzazione familiare: “Con mio marito è il contrario: è un vero nottambulo!” Con Karel Mark Chichon, direttore dell’Orquesta Filarmónica de Gran Canaria, che compare ancora una volta in questo album, forma un vero e proprio dream team della musica classica.

Per il momento, le serate tranquille sono rare nella vita di Elīna Garanča. In mezzo a tutti i suoi progetti e viaggi, l’atmosfera di When Night Falls... è ancora più preziosa per evadere anche solo per poco dallo stress della vita quotidiana - anche per la sua stessa interprete. “Non vedo l’ora di andare in pensione”, dice ridendo, ma sottolineando il lato positivo: “Per me è più facile che per mio marito. Lui può continuare a dirigere fino allo sfinimento. Mentre la mia voce ha una data di scadenza. Quindi nei prossimi dieci anni dovrò dare il massimo”. Per quanto riguarda la carriera di Elīna Garanča, il sipario non è ancora sceso!